L’Arandora Star la tragedia dell’immigrazione

0
673

Londra- Per molti l’Arandora Star non dice nulla. Per altri purtroppo è sinonimo di un capitolo della grande storia dove molti italiani persero la vita nel 1940. Spesso queste storie rimangono negli abissi della storia o in fondo al mare come relitti lontani da dimenticare.

Mentre non dovrebbe essere così, perché non dimenticare significa mantenere in vita italiani che affondarono insieme alla nave Arandora Star. Italiani immigrati come noi, connazionali senza colpa, solo quella di essere stranieri. Oggi per i giovani immigrati è più facile stare in Gran Bretagna, grazie anche a queste persone che hanno perso la vita, ed è per questo che non bisogna mai dimenticare.

Arandora Star una nave da crociera riadattata stava trasportando verso il Canada circa 1500 internati tra italiani, austriaci e tedeschi definiti “nemici stranieri” quando fu silurata da un sommergibile tedesco U-Boot U-47 al largo delle coste irlandesi il 2 luglio del 1940. Circa 800 persone persero la vita e di queste la maggior parte erano italiane.

Il comandante Otto Burfeind della nave tedesca SS Adolph Woermann, che era tra i prigionieri, rimase a bordo della nave organizzando l’evacuazione della nave e risultò disperso.

Il comandante britannico Edgar Wallace Moulton, il comandante canadese Harry DeWolf ed il capitano tedesco Otto Burfeind ottennero riconoscimenti per il loro eroismo.

A Londra il 2 Luglio ci sara’ il 75° anniversario del naufragio dell’Arandora Star.

In occasione dell’anniversario del naufragio della nave, l’Arandora Star London Memorial Trust e la London Italian community organizzeranno degli eventi commemorativi, che includono:

Pubblicazione di un Commemorative Book intitolato The Arandora Star Tragedy – 75 Years On, London’s Italian Community Remembers contenente i dettagli degli italiani londinesi a bordo dell’Arandora Star.

Presentazione del Commemorative Book presso l’Italian Cultural Institute di Londra, 39 Belgrave Square SW1, venerdì 26 giugno 2015 alle ore 18.30, ove si terrà un discorso sul tema The Tragic Story of the Sinking of the Arandora Star da parte della storica della Royal Holloway, University of London, Rachel Pistol.

Ci sarà anche una Messa presso la Chiesa italiana di St Peter in Clerkenwell Road, London EC1, giovedì 2 luglio 2015 alle ore 19.00, alla presenza di un rappresentante dell’Ambasciata italiana, del Console Generale italiano Massimiliano Mazzanti, e altri rappresentanti.
A partire dal 6 luglio 2015, un’esposizione presso la Holborn Library, Theobalds Road, London WC1. L’esposizione durerà 4 settimanee e si sposterà presso altre sedi.

Tutto questo per non dimenticare, perché è giusto così, è giusto per i figli, è giusto per i figli dei figli, è giusto per noi italiani immigrati, per non dimenticare una pagina di storia grazie alla quale ci è possibile oggi vivere liberi e in pace da immigrati.

 

 

LEAVE A REPLY